Angkor meraviglia nella giungla

Angkor, capitale dell’impero Khmer, patrimonio Unesco dal 1992, il sito archeologico più importante della Cambogia e uno dei maggiori del sud est asiatico, con un’estensione di circa quattrocento chilometri quadrati.

Le costruzioni principali visitabili sono circa ottanta, prevalentemente siti religiosi, ma l’intera area cela centinaia di templi induisti e buddhisti in pietra.

Non restano tracce invece della residenza reale e degli edifici comuni costruiti in materiali deperibili, soprattutto legno.

Il Piccolo e il Grande circuito

La visita classica a Angkor segue due percorsi: il piccolo e il grande circuito. Questi itinerari sono molto noti, un’ottima base si partenza per conoscere l’enorme sito.

Per tutte le informazioni di carattere pratico si può fare affidamento su Cambogia Lonely Planet utile, pratica nell’indicare e descrivere brevemente i templi.

Angkor e gli scrittori

La mia intenzione è invece quella di viaggiare attraverso le parole di alcuni straordinari scrittori, profondi conoscitori di Angkor.

Angkor uno di quei pochi, straordinari luoghi del mondo dinnanzi ai quali ci si sente orgogliosi d'essere membri della razza umana.

Tiziano Terzani, Fantasmi

La scoperta di Angkor e dei suoi templi millenari nascosti nella giungla la si deve a Henri Mouhot, un naturalista francese in viaggio in Indocina, da poco diventata colonia francese. Nel 1860 Mouhot seguendo un resoconto di un frate va alla ricerca di strane rovine nella giungla e incontra la città di Angkor. Dal suo resoconto iniziano ad arrivare molti esploratori. Il resto è storia.

Angkor Wat

All’inizio del secolo Pierre Loti arrivò ad Angkor, in Cambogia, con la trepidazione di un pellegrino, a bordo di un carro tirato da buoi neri per chiedere ospitalità ai bonzi che allora vivevano nei templi. Vent’anni dopo c’era già la società Cooks che organizzava escursioni, spettacoli di danza la notte, in mezzo alle rovine, e vendeva pietre-ricordo ai turisti. L’uomo che nel 1860 aveva "scoperto" Angkor per l’umanità – e per i turisti – aveva pagato quella sua conquista con la vita. Pochi sanno che la sua tomba è ancora lì, a est di Luang Prabang, e io volli andare a rendere omaggio a quell’avventuroso scienziato, Henri Mouhot, la cui storia mi ha sempre affascinato.

Tiziano Terzani, Un indovino mi disse

I Khmer

Strana storia quella dei Khmer! fra il nono e l'undicesimo secolo avevano costruito questa immensa, straordinaria città. Poi, nel 1431, i thailandesi li avevano attaccati , avevano saccheggiato e messo a ferro e fuoco Angkor e loro, senza più una capitale, avevano dovuto ritirarsi nella giungla, poi nel basso corso del Mekong. Col passare dei secoli si erano costruiti un'altra capitale: ma niente di paragonabile a quel che si erano lasciati dietro. Era come se i Khmer non fossero più gli stessi, come se avessero dimenticato il loro passato. In verità l'avevano dimenticato: come se gli italiani non sapessero più del Colosseo... i Khmer si erano dimenticati di Angkor della vita che c'era stata, della grande arte che era stata prodotta. Incredibile destino.

Tiziano Terzani, Fantasmi

Come visitare Angkor

Angkor

Ci sono vari modi per avvicinarsi ad Angkor. Uno può farlo leggendosi una delle ormai tante erudite guide ai monumenti ed andando poi di tempio in tempio ripassare la storia, a controllare i dettagli, ad imparare i nomi dei vari re che costruirono questo o quell'edificio, a rendersi conto di ogni simbolismo, a cercare di capire se la faccia che sorride dalla pietra sia quella di Shiva o quella di Buddha... io ho scelto l'approccio più naturale: niente lezioni preparatorie, niente carta da portarsi dietro. Solo la propria pelle, permeabile come una spugna...senza essere appesantiti dalla tante e spesso irrilevanti nozioni di cui le guide sono infarcite. Capire serve, ma la cosa fondamentale è sentire.

Tiziano Terzani, Fantasmi

Ho scelto questo secondo approccio. Arrivare ad Angkor conoscendo il minimo indispensabile, la lettura sarebbe arrivata dopo. Non ho voluto approfondire ogni dettaglio prima della visita. Il desiderio era vedere questa grandezza con occhi nuovi senza racconti che la anticipassero.

Non è affatto indispensabile sapere che per i costruttori di questa immensa città-monumento ogni dettaglio aveva un preciso significato, che ogni pietra, ogni scultura, ogni cortile, ogni pinnacolo era un tassello nell'immenso mosaico che doveva raffigurare i vari mondi, compreso quello superiore adagiato attorno al mitico monte Meru. Non occorre essere buddhisti per capire. Basta lasciarsi andare per sentire che ad Angkor in qualche modo si è gia stati.

Tiziano Terzani, Fantasmi

E’ davvero così. Davanti alla grandezza di Angkor , le parole non servono, la meraviglia e lo stupore che si prova dinanzi a tanta immensità, non può essere guastata dalle informazioni, che possono arrivare in un secondo tempo. Non è il mio modo di viaggiare, ma questa eccezione è stata doverosa per uno dei luoghi più belli e misteriosi della terra.

Le rovine di Angkor mi erano già apparse nelle visioni dell'infanzia, erano già parte del mio museo.

Pierre Loti, Un pellegrino ad Angkor
Angkor

Angkor Wat

Il tempio più importante dell’intero complesso, talmente rappresentativo da essere il simbolo nazionale della Cambogia e da apparire sulla bandiera nazionale.

La sua forma è la perfetta summa dell’architettura khmer: il tempio montagna che rappresenta il Monte Meru (la montagna sacra degli dei induisti), e i templi a galleria tutt’attorno. 

Angkor Wat era  consacrato a Vishnu. L’intero complesso si è gradualmente trasformato in un tempio buddista verso la fine del XII secolo.

Angkor Wat significa il tempio della città.

E’ l’unico tempio dell’intero complesso archeologico ad non essere mai stato abbandonato.

Si ergono delle torri a forma di tiara, torri in pietra grigia che si stagliano nella luce sbiadita del cielo.

Pierre Loti, Un pellegrino ad Angkor
Angkor Wat

Le torri, ora solo di pietra, erano un tempo coperte da uno strato d'oro.

Tiziano Terzani, Fantasmi
Angkor Wat

Dopo aver soppiantato il culto di Brahma, antica divinità d'Angkor.... è insediato un gigantesco Buddha, dominatore, e dolce, con le gambe incrociate e gli occhi semichiusi abbassati.

Pierre Loti, Un pellegrino ad Angkor

Sono finestre molto molto eleganti, adornate da cesellature così fini da sembrare merletti distesi sulla pietra, sorrette da piccoli pilastri inanellati che sembrano colonnine di legno lavorate al tornio in modo magistrale, ma che invece sono di granito come tutto il resto delle mura!

Pierre Loti, Un pellegrino ad Angkor
Angkor Wat

Angkor Thom

Angkor Thom con Angkor Wat è il luogo di culto più famoso dell’intera Cambogia. 

Angkor Thom

Angkor Tham (Angkor la Grande) le mura, i terrazzamenti, i templi, lo sviluppo dei lunghi viali pavimentati, i cui lati erano adornati da divinità, serpenti a sette teste, piccole torri e colonnine.

Pierre Loti, Un pellegrino ad Angkor
Angkor Thom

Bayon

Il Bayon il tempio montagna costellato di volti scolpiti è l’attrazione maggiore di Angkor Thom.

I volti scolpiti sono in totale duecentosedici. Queste enormi teste seguono il visitatore in ogni angolo del tempio.

Bayon

E su ogni torre i quattro visi rivolti ai quattro punti cardinali guardavano dall'altro in ogni dove attraverso le palpebre socchiuse, con la stessa espressione d'ironica pietà, con lo stesso sorriso: affermavano in modo ossessivo l'onnipresenza della divinità d'Angkor.

Pierre Loti, Un pellegrino ad Angkor

Porta della Vittoria

La Porta della Vittoria è la più imponente della porte d’accesso ad Angkor Thom.

Porta della Vittoria

Davanti alla Porta della Vittoria, sopra la quale sorride un enorme viso umano.

Pierre Loti, Un pellegrino ad Angkor

Banteay Serei

Banteay Serei

Il Banteay Serei è un tempio induista consacrato a Shiva. Risale al X secolo d.C. Costruito in arenaria rossa e le numerose e accuratissime decorazioni lo rendono uno dei più affascinanti dell’intera area. 

Banteay Serei

Il Fico delle rovine

Il fico delle rovine cui nulla resiste. E' lui che oggi regna su Angkor. Sopra ai palazzi e ai templi che pazientemente disgregato con la sua pallida ramificata ossatura, maculata come i serpenti e l'ampia cupola di foglie.

Pierre Loti, Un pellegrino ad Angkor
Angkor

Ta Prohm

Il Ta Prohm è sicuramente il più suggestivo tra i monumenti in rovina di Angkor.

La scelta di lasciarlo avvolto dagli alberi e dalla giungla, che nel corso dei secoli, hanno avuto la meglio sulle rovine di Angkor, mostra al visitatore quale aspetto aveva l‘intera area quando fu riscoperta in epoca moderna. 

Le rovine sono strette dell’abbraccio dei tronchi, i blocchi di pietra sono stati sollevati dalle radici di alberi ormai morti. L’atmosfera è surreale, ma ricchissima di fascino. 

Ta Prohm

Ta Prohm che Jayavarman VII fece erigere per ospitare il culto della madre.. non offre nessuno dei panorami spettacolari di Angkor Vat o le sorprese architettoniche del Bayon.. Ta Prohm è un cataclisma arrestato. Nella sua invasione, la foresta non vi ha fatto irruzione ma si è rovesciata sopra dall'alto... Quando si entra in un cortile è come entrare in un nuovo mondo vegetale, non quello di rami e foglie che conosciamo, ma quello delle radici... Le radici seguono il profilo dell'opera in muratura, raddoppiano colonne e pilastri.

Norman Lewis, Una dragone apparente
Ta Prohm

Gli dei-re di Angkor, con le loro facce di pietra sono già sopravvissuti per dieci secoli nel verde della foresta. Il tempo non ha distrutto il loro misterioso, impenetrabile sorriso Khmer.

Tiziano Terzani, Fantasmi

Consigli di lettura

Fantasmi. Dispacci dalla Cambogia di Tiziano Terzani grande appassionato di Cambogia e di Angkor, racconti i suoi viaggi inusuali e fuori dai schemi turistici ad Angkor.

Un pellegrino ad Angkor di Pierre Loti Pierre Loti grande esploratore francese visita il sito di Angkor nel 1901, agli albori della sua scoperta, un vero viaggio avventuroso, partito da Saigon raggiunge via fiume le rovine. Qui tutto è ancora avvolto nella giungla. Egli visita Ankor Wat, Angkor Thom e il Bayon, molto resta da scoprire ancora nascosto nella fitta vegetazione. Le sue sono le impressioni di un viaggiatore occidentale dell’epoca, ma le descrizioni sono calzanti ancora oggi. Il privilegio unico di aver visitato Angkor, prima di chiunque altro in un’atmosfera che non esiste più, soggiornando presso i templi in baracche di fortuna costruite per lo scopo. Il racconto della visita ai templi intrecciato con le sue sensazioni, con le molte domande su una cultura scomparsa da secoli. Un vero libro viaggio, o meglio un libro scritto da un vero viaggiatore, in cui il tempo gioca ancora un ruolo, il viaggio sul fiume dura molti giorni, un avvicinamento lento che invoglia la riflessione.

Un dragone apparente. Viaggi in Cambogia, Laos e Vietnam di Norman Lewis Il racconto di viaggio nella vecchia Indocina, nel 1949. il Sud est asiatico, sta vivendo grandissimi cambiamenti: il colonialismo è prossimo alla fine, la seconda guerra mondiale ha declinato nuovi equilibri geopolitici, che finiranno per avere un enorme impatto su questa aerea . L’Indocina, luogo di magia e mistero, simbolo di un Oriente distante e mitizzato dall’Occidente, sta sparendo sotto le pressioni economiche e politiche.

Per tutti gli altri libri sulla Cambogia

Ti potrebbe interessare

Ciao, sono Paola, lettrice da sempre e viaggiatrice da molto. Libri e viaggi, più che passioni per me sono due vere ossessioni.

I miei articoli pubblicati su riviste e online.

 

 

Una valigia piena di libri

unavaligiapienadilibri@gmail.com

©PAOLAVIGNATI 2019 - 2022 E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE DI IMMAGINI TESTI E CONTENUTI SENZA AUTORIZZAZIONE

error: Questo contenuto è protetto da copyright
Ricevi gli ultimi articoli

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER